Home » News » BackTrack 5 Revolution e Android

BackTrack 5 Revolution e Android

Poco più di una settimana fa è stata rilasciata l’attesissima Backtrack 5 codename Revolution, la distribuzione dedicata al pentesting e all’hacking per eccellenza.

Per chi non la conoscesse si tratta di una versione di Linux realizzata dallo staff di Offensive-Security configurata e ottimizzata  per le attività di sicurezza informatica quali penetration test, sniffing, wifi hack etc.

Sono presenti di default tutti i tools per mettere in atto le più note tecniche di hacking a qualsiasi livello, sia network che applicativo. Tra i più noti possiamo citare Metasploit, Aircrack-NG, WireShark, Ettercap, Nmap, John The Ripper e molti altri per un totale di 348 tools.

La nuova versione di BackTrack è basata sul performante Kernel Ubuntu Lucid LTS. 2.6.38 ed è stata pensata per essere supportata su tutte le piattaforme (ARM, 32bit, 64bit). Integra inoltre 3 diverse interfacce grafiche così che ognuno possa scegliere quella che preferisce tra Gnome 4.6, KDE e FluxBox.

I tools presenti permettono, come detto, di eseguire tutti i tipi di scansione per attività di sicurezza informatica. Utilizzando BackTrack 5 potrete effettuare verifiche alle applicazioni Web (Xss,Clickjacking, Sql Injection, etc), analisi delle reti e loro mappatura, verifica di vulnerabilità di un host, verifica e hack delle reti wifi, pentesting report, reverse engineering, sniffing di varie tipologie di pacchetti, crack/decrypt delle password e molti altri ancora.

La novità nella novità è che ad appena 8 giorni dal rilascio sul sito XDA è disponibile la versione lite (700 Mb) di BackTrack 5 per piattaforma Android. Si tratta di un’iniziativa personale di alcuni membri dello staff che tengono a precisare di non garantire né il funzionamento né eventuali danni ai dispositivi. Certo è che se si riuscisse a passare BackTrack su un Tablet i wardrivers potrebbero avere vita molto più facile…

Nell’attesa possiamo leggere questo interessante articolo dove viene dimostrato il corretto funzionamento di BackTrack5 su un Motorola Xoom.

Per il momento il succo è che qualsiasi cosa vogliate testare nel campo della “sicurezza informatica” necessitate sicuramente di un PC con installata BackTrack 5.

DOWNLOAD

Il video di presentazione:

BackTrack 5 – Penetration Testing Distribution from Offensive Security on Vimeo.

Ti è stato utile? Votalo!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
  • capitanfalco

    Saptresti indicarmi la maniera per trasformarlo in italiano. Grazie.

Altro... android, backtrack 5, backtrack tablet pc, penetration, pentest, sicurezza informatica, sql injection
Chiudi