Home » News » Smartphone con “modalità letto”
Smartphone con “modalità letto”
Lo smartphone con la modalità letto

Smartphone con “modalità letto”

Lo smartphone con “modalità letto” è un’idea proposta da un medico inglese con lo scopo di non disturbare il sonno.
Il medico consiglia alle aziende di limitare gli schermi luminoso e su toni blu e consigli di ideare uno smartphone con la modalità letto per limitare le influenze negative che compromettono il sonno di milioni di utenti e di conseguenza la salute di ognuno di noi.

Paul Gringras, medico dell’EvelinaChildren’s Hospital di Londra ha spiegato infatti che gli schermi “sempre più luminescenti e sempre più blu, un tono di colore che contribuisce a tenere le persone sveglie“.

Il prof. Paul Gringras studia l’influenza della luce blu sul sonno da anni ormai, è uno specialista dei problemi dell’insonnia giovanile: dopo anni e anni di ricerca l’appello lanciato alle milioni di aziende sul mercato è stata quella di introdurre una modalità adatta al sonno, la cosiddetta modalità aereo. Questa infatti, una volta attivata, potrebbe contenere volume e luminosità e proteggere i nostri sogni. Secondo la scienza infatti l’assenza di luce e di colori favorisce la produzione di melatonina che aiuta a riposare e al corpo di recuperare energie.

Bisogna dunque eliminare fonti di luce per aiutare il nostro corpo ad affrontare le giornate.
I colori e i toni che vanno bene per il giorno sono pessimi per la notte: dati sperimentali convergenti ci dicono che chi ha di fronte questi schermi a tarda sera si addormenta in media un’ora dopo“, spiega lo specialista.

Secondo Gringras le lunghezze d’onda della luce blu disturbano l’equilibrio che la melatonina cerca di creare per far riposare il corpo: la sua ricerca è stata pubblicata su Frontiers in Public Health e si evince come lo specialista ha analizzato accuratamente i dati e gli effetti della luce emessa da smartphone, tablet e tutti gli altri dispositivi in commercio.

La conclusione è univoca: bisogna sostenere l’idea che i dispositivi dovrebbe ottimizzare i software anche per l’uso notturno: basta infatti che le luci blu e verde si trasformino in giallo o rosso e che la luminosità venga ridotta.

Ti è stato utile? Votalo!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Altro... modalità letto, smartphone
Chiudi