Home » Video Geek » Possibili usi dei Google Glass nella Sanità
Possibili usi dei Google Glass nella Sanità

Possibili usi dei Google Glass nella Sanità

Google Glass Doctor HouseI Google Glass sono l’argomento del momento, chiunque spende due parole su di loro su come li utilizzerebbe se li avesse, come li vedrebbe applicati e altri vari commenti che dimostrano come questi occhiali tecnologici ancor prima di essere commercializzati siano già entrati a far parte del nostro quotidiano.

In rete sono innumerevoli i concept video delle possibili applicazioni di questi occhiali hi-tech: dal semplice sostituto di uno smartphone a possibile supporto durante la cucina o un allenamento in palestra. Nei prossimi giorni pubblicheremo altri video interessanti sull’argomento.

Quest’oggi vogliamo parlarvi del possibile uso che potrebbero avere nel campo Medico.  In Italia in termini di tecnologia nel settore Sanità ricordo che fu implementato in via sperimentale l’uso delle tessere sanitarie con chip. Queste tessere permettono di contenere tutti i dati medici,  gli esami effettuati, i farmaci assunti etc. di ogni singolo paziente così da ridurre drasticamente i tempi per l’anamnesi.

L’utilizzo della carta obbliga gli ospedali a dotarsi di un lettore di smart card ma a parte questo effettivamente si tratta di un’implementazione che potrebbe apportare dei benefici nell’esperienza (mai piacevole) dell’Ospedale o anche semplicemente per rendere più flessibile la consultazione dei propri esami e analisi direttamente dal web senza doversi recare all’Ospedale.

Questo genere di tecnologia permette già ora di ridurre i tempi di attesa ma come potremmo spingere al massimo l’aiuto della tecnologia tra i medici?

Nel breve video che vi proponiamo vedremo come potrebbe svolgersi un’analisi differenziale se i medici fossero dotati dei Google Glass. Basterebbe interrogare i Glass con il consueto “Ok, Glass..” e chiedergli la differenziale per un determinato sintomo. In pochi secondi i medici avrebbero a disposizione tutte le informazioni che potrebbero dargli il giusto spunto per salvare una vita o trovare la giusta cura senza perdere d’occhio la situazione per andare a consultare il web o un tomo medico.

Un piccolo Dottor House tecnologico pronto a darci risposte “da manuale” se vogliamo dirla in maniera scherzosa.

Se pensiamo che, per esempio, invece che dover leggere la smart card seduti ad un Pc ai medici potrebbe bastare un “Ok, Glass.. cartella clinica di XXXX” per avere le informazioni di cui necessitano si può immaginare un futuro dove, se le informazioni verranno condivise, sarà possibile ridurre tempi di attesa, o di diagnosi o di analisi con pochi semplici comandi demandando la parte di ricerca e incrocio di informazioni cliniche/mediche ad un pc sicuramente più veloce nell’eseguire le ricerche.

Il talento, le capacità e le mani del medico resteranno determinati e prioritarie per la nostra salute ma pensare che sarà supportato da uno strumento come i Glass permetterà allo stesso medico di rispondere con maggiore velocità alla fatidica domanda “dottore, cosa ho?”.

Come ve lo immaginate l’ospedale del futuro?

Ti è stato utile? Votalo!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]