News

Amnesty: Sicurezza Per I Giornalisti

Amnesty
Condividi!

Sono sempre più a rischio gli attivisti e i giornalisti che vengono attaccati da hacker e mercenari. La sicurezza viene maggiormente esposta a pericoli di qualsiasi genere e a confermarlo è uno studio recente di Amnesty International che ha elencato numerosi attacchi di Stato.

La sicurezza di attivisti e giornalisti che usano smartphone e pc deve essere tutelata e Amnesty consiglia questa categoria di professionisti ad evitare le intrusioni. Infatti queste manovre sono ben nascoste e difficili da individuare e di conseguenza è difficile evitarle nel futuro.

Coloro che sono maggiormente colpiti sono giornalisti, cooperanti, attivisti, avvocati impegnati nella difesa dei diritti umani e le denunce provengono maggiormente da Google, Adobe, Yahoo e Symantec. I casi riportati riguardano obiettivi civili in Cina, i casi dei gay in Russia, la difficilissima situazione in Egitto: tutte prove di come intrufolarsi sia diventato quasi di moda ed un gioco da ragazzi.

Amnesty ha riportato lo studio che è stato realizzato da due consulenti, Morgan Marquis-Boire ed Eva Galperin: lo studio riporta gli attacchi a danno di giornalisti in Marocco, spiati tramite il software Hacking team. Questi tipi di software si installano nel computer: ci sono quello che danneggiando e bloccandone il funzionamento richiedono un riscatto per riappropriarsi dei dati personali rubati ( e sono i cosiddetti ransomware); questi che Amnesty denuncia sono software che si chiamano spyware e controllano il comportamento di chi usa il pc.

Anche in Occidente si sono verificati casi molto simili: alcuni dipendenti della Electronic Frontier Foundation erano vittime del governo vietnamita o ancora, giornalisti dell’Associated Press, studiosi francesi residenti in Vietnam e altri blogger presi anch’essi di mira.

Non tutti purtroppo hanno sul loro pc antivirus funzionanti che sono in grado di scansionare i file malevoli ma il peggio è che molte vittime non comunicano l’accaduto per paura di perdere la reputazione o altro.

La risoluzione sta proprio in questo: è indispensabile allertare gli esperti per risalire al problema: ci si può dotare di strumenti come signal o altri che possono comunicare via sms o via voce per consentire invio di file da telefoni che sono controllabili da esperti.

Click to comment

Most Popular

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem?

Temporibus autem quibusdam et aut officiis debitis aut rerum necessitatibus saepe eveniet.

Copyright © 2015 Flex Mag Theme. Theme by MVP Themes, powered by Wordpress.

To Top
Altro... giornalisti, hacking
Internet Big Bounty
Internet Bug Bounty: la caccia è aperta

Hack In Bo
HackInBo: ecco come è andata!

Gottfrid_Svartholm_Warg
Uno dei fondatori di The Pirate Bay condannato a due anni

Chiudi