Home » News » Mediaset vince il ricorso e si riprende il dominio “Mediaset.com”

Mediaset vince il ricorso e si riprende il dominio “Mediaset.com”

È una vicenda a tratti paradossale, per certi versi ironica, i cui risvolti hanno avuto pesanti conseguenze legali. Nodo del contendere il dominio “Mediaset.com”, da tempo non rinnovato, andato all’asta e quindi acquistato dalla società americana Fenicius Llc. È seguito il ricorso da parte di Cologno Monzese e il conseguente rigetto del tentativo di riappropriazione del dominio dalle autorità. Ma Mediaset non si da per vinta intentando un nuovo ricorso contro la Fenicius. Viene accolto. Dal Tribunale Civile di Roma arriva l‘inibizione all’uso del nome e del dominio “Mediaset.com”, oltre a 1000 euro di penale per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione del provvedimento.

Emersa dall’iter processuale la malafede nell’acquisto del marchio Mediaset, tentativo di acquisizione del brand. Non solo. L’azienda milanese pone l’accento sul problema di fondo alla vicenda, la sempre più difficile tutela del copyright. In una nota ufficiale Mediaset infatti rimarca come “il ricorso immediato alla giustizia ordinaria ha dato i risultati sperati. Ma ciò non toglie che la materia sia diventata un’autentica giungla da disboscare. Ormai il problema è urgente”. Il rischio di trovarsi in una situazione analoga potrebbe presentarsi per ogni società che dispone di un marchio conosciuto. “L’azienda ha deciso di operare su internet solo attraverso Mediaset.it per la comodità degli utenti, ma per quanto riguarda il copyright ogni altra estensione di dominio legata al marchio non dovrebbe esistere, in quanto esiste una sola azienda proprietaria del brand”.

Probabilmente non si tratta di una nota conclusiva nell’annosa questione della tutela dei marchi, ancora carente sul fronte di un quadro del diritto complessivamente coerente. Una volta tanto il grande network italiano vince una battaglia assai condivisibile, per quanto perniciosa, contro la libertà della rete.

Ti è stato utile? Votalo!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
  • Michele Montanari

    Arrivo con quasi un mese di ritardo, ma mi trovo ad essere in forte dissenso con quanto qui scritto.
    Parto da un presupposto: sono ignorante.
    Nel senso: non so quale sia la storia per il dominio Mediaset.Com.

    Il diritto della rete dice che chi prima arriva meglio alloggia. Chi per primo registra un dominio, ha la prelazione sugli altri.
    Poi potremmo andare a finire in un contesto di “speculazione” e “tentata millantazione”, cercando di fare finta di essere una azienda o un ente diverso dal proprio, ma non credo che sia questo il caso.

    Se Mediaset avesse realmente “registrato” il sito “Mediaset.Com” e si fosse pure scordata di “rinnovarlo”, si direbbe che sono stati fessi e che dovrebbero pagare moneta sonante per la loro sciocchezza.

    La notorietà del marchio forse è sufficiente alla miope giustizia italiana (vedasi la lite tra Giorgio Armani SPA e Luca Armani, titolare di un timbrificio che vista la pochezza di risorse rispetto ad una multinazionale di successo non solo ci ha rimesso il dominio ma pure l’azienda), ma non cambia il principio di fondo… Se chi fa un brevetto per primo ha il diritto di sfruttarlo, chi si registra per primo un dominio ha il diritto di usarlo.
    Senza ma e senza se.
    Altrimenti, invece che di diritto, si parlerebbe di Bullismo Legale e Societario.