News

Lo Stress Causato Dalla Sindrome Da Batteria Scarica

Sindrome

Secondo una recente indagine, svolta su circa duemila persone, è stato rilevato che 32% circa soffre della cosiddetta sindrome da batteria scarica.
Chi di voi non ha mai fatto i salti mortali per ricaricare il proprio smartphone quando si trovava fuori casa?

A questa domanda, la stragrande maggioranza di voi mi risponderà affermativamente, ricordando sicuramente momenti esilaranti o situazioni assurde compiute pur di non lasciar morire lo smartphone.
I sintomi che rilevano le cause di questa sindrome possono essere infiniti e a rilevare questa sindrome è stato uno studio condotto negli Stati Uniti dalla Lg su un campione di duemila proprietari di smartphone.

Il 33% dei possessori di smartphone, alla domanda: “Scegli tra andare in palestra o caricare lo smartphone“, hanno scelto di sacrificare l’allenamento. Lo stesso test, effettuato a soggetti giovani ha invece rivelato che è il 42% a sacrificare il proprio tempo libero pur di non lasciar morire il proprio smartphone.

“La sindrome da ansia da batteria scarica potrebbe rovinare le relazioni” : questo è quanto affermato dagli esperti dell’indagine.
Oltre all’ansia e allo stress causato da questa sindrome, le persone possono diventare anche bugiarde: il 60% delle persone spesso incolpa lo smartphone scarico per non parlare con familiari, amici o colleghi.
Sempre secondo l’indagine il 41% viene colto dal panico quando il segnale è rosso sul display mentre il 17% dei possessori uomini di smartphone ha perso l’opportunità di un appuntamento romantico al buio perché il telefono si è spento improvvisamente.

E se la batteria segna una carica pari al 10%?
Secondo l’indagine, la metà dei possessori di smartphone hanno detto che invierebbero un messaggio di testo mentre il 33% preferirebbe effettuare una chiamata.

E quali sono gli escamotage creati per cercare di sprecare la batteria?
Il 46% ha dichiarato che non si vergognerebbe a chiedere ad un estraneo un caricatore mentre i più giovani preferiscono evitare di usare app o di scattare fotografie con la speranza di far vivere la batteria quanto più possibile.

Click to comment
To Top