Home » Seo&Social Media » Influenza dei social media nelle nuove strategie di web marketing
Influenza dei social media nelle nuove strategie di web marketing

Influenza dei social media nelle nuove strategie di web marketing

Influenza dei social media nelle nuove strategie di web marketing Secondo un’indagine di Brunswick le informazioni prese dalla rete influiscono sempre più rispetto alle comunicazioni aziendali. In Asia molto più che in occidente gli operatori finanziari hanno compreso più degli altri il ruolo del digital e del social media, soprattutto per quanto riguarda il boom di Twitter sempre più utilizzato dai professionisti.

Digital e social influenzeranno sempre di più le scelte degli investitori . Secondo l’indagine nel 2012 almeno un operatore su tre è venuto a conoscenza di una notizia dopo averne visto la segnalazione su Twitter. Un operatore su quattro ha invece affermato di aver preso una decisione importante di investimento dopo averne letto la segnalazione su un blog. 

In molte compagnie sono stati i marketers a capire l’importanza dei social media. Questa presa di coscienza ha aiutato molte aziende a elaborare diversi metodi di raccolta delle informazioni, staccandosi dalle strategie tradizionali e sperimentando nuovi strumenti di analisi che hanno permesso di raccogliere i dati che gli utenti scambiano liberamente: impiegando le analisi social media based si è riusciti a interpretare in un modo nuovo le opinioni e a lavorare su dati raccolti in tempo reale.

Le aziende hanno bisogno di raccogliere informazioni che possano essere utili per sviluppare strategie durevoli nel tempo ed elaborare previsioni a lungo termine. La raccolta delle informazioni è un processo lungo che comincia con l’esplorare le priorità e le decisioni dei clienti. Il social permette di mappare persone, conversazioni, mappare fonti e confrontare dati affidandoli a un gruppo di esperti oppure a comunità on line di trend spotter. Diventa necessario identificare l’influence e tracciarne una mappatura, sintetizzare, analizzare e comunicare il nuovo modo di pensare attraverso un processo strategico che fornisca una base forte e che permetta di creare una informazione pertinente. 

I social media hanno creato una nuova mappa informativa. Le fonti sono differenziate tra esperti, competitors, impiegati e fornitori mentre dall’altra parte abbiamo dati pubblicati come articoli o ricerche di mercato che costituiscono i fattori secondari della ricerca. L’utilizzo dei dati provenienti dai social opera su un piano differente, identificando le persone e le loro conversazioni gli esperti possono elaborare e canalizzare informazioni accurate. L’identificazione dei giusti referenti dovrebbe portare le compagnie a capire l’importanza delle conversazioni on line e a svolgere un lavoro di partecipazione alle conversazioni. Le conversazioni in tempo reale potrebbero aiutare anche a prevenire le azioni chiave dei competitors e a decidere per eventuali aggiustamenti di rotta nella strategia intrapresa.

Dal punto di vista degli utenti secondo la Comscore gli utenti sono influenzati sulle scelte a diversi livelli: notizie e opinioni pervenute su un blog affidabile rappresentano le fonti più influenti ma allo stesso modo sarà opportuno monitorare forum e gestire la fan page aziendale e  il profilo twitter che vengono seguiti dagli utenti non solo perché intesi come attività di branding dell’azienda ma come un’opportunità per ricevere sconti. 

Da non sottovalutare l’influenza dei contenuti user generated di YouTube : video haul e recensione dei prodotti effettuate dagli utenti generano un grande volume di conversazioni. 

Per gli analisti questo materiale è manna dal cielo. Essi impiegano secondo quanto riferito da McKinsey l’80 percento del proprio tempo nella raccolta di informazioni. L’avvento del social altera questo processo e numerosi strumenti consentono agli analisti di creare mappe dinamiche che segnalano dove avvengono le conversazioni, dove trovare dunque informazioni e dove risiedono gli esperti, elaborando nuovi dati in tempo reale. Il metodo più efficace è affidarsi a un network di esperti su materie specifiche, individuare gli influencer, costruire relazione. 

La General Electric ha compreso l’importanza del fattore social e si è affidata a una comunità di oltre 90000 persone che seguono @ecoimmagination su Twitter, stimolando conversazioni attorno agli hashtag.  Ecoimagination è un’iniziativa volta a immettere sul mercato prodotti green e intende sensibilizzare sulla sostenibilità. I partecipanti hanno generato loro stessi un grande numero di idee legate al green e alla sostenibilità, essendo la General Electric in accordo con la Virgin Airlines per la promozione di idee green.

Gli utenti migliori sono stati premiati con voli gratuiti e questo ha permesso non solo di stimolare un gran volume di conversazioni, l’attività ha stimolato la creatività degli utenti che hanno suggerito da soli di dare un hashtag a ogni volo e la compagnia ha utilizzato queste informazioni per capire le aspettative dei passeggeri.

Un ottimo esempio su come i social media possano fornire una nuova visuale sui piani dei competitors, dei fornitori e dei clienti e fornire un valido sostegno per la raccolta di dati, per le previsioni e per la gestione del rapporto con il cliente.