Seo&Social Media

Il ruolo delle Directories per un buon posizionamento su motori di ricerca

Seo DirectoryLe pulizie di primavera attuate da Google nel 2012 hanno visto directories penalizzate o addirittura bannate.
Dopo un primo momento di panico si è cercato di comprendere le ragioni di Google e cercare un rimedio. Molti obietteranno che le directories svolgono un ruolo piuttosto marginale dal punto di vista della SEO.

È vero che la maggior parte degli utenti utilizza i motori di ricerca ma anche le directories generano un traffico da non sottovalutare e possono essere un modo per ottenere link da siti con alto page rank.

Per quanto riguarda invece Penguin, la penalizzazione è dovuta non alle directories in generale ma è stata effettuata nei confronti di quelle che non hanno alcuna utilità per l’utente e vengono viste come prive di contenuto informativo e dunque spam.

Essere presenti in directories non valide non solo non è utile ma è addirittura dannoso: Google penalizza tutti coloro che vengono linkati da siti spam.

È dunque importante, anzi necessario, essere presenti solo in directories che abbiamo il trustrank di Google.

Al fine di una buona ottimizzazione sarà dunque necessario svolgere un’attività di link profiling: ricavare i backlinks al proprio profilo da Google Webmaster, oppure utilizzare dei tool gratuiti come Opensiteexplorer.org che vi mostrano immediatamente quali sono i backlinks di un determinato sito, uno strumento utile dunque anche per effettuare l’analisi della concorrenza e cercare di ottenere gli stessi backlinks.

Tornando alle directories, la qualità delle stesse è determinata dal pagerank, dal googletrust e dalla loro praticità: Seomoz informa che le directories ben divise per categorie e di comprovata utilità non sono state penalizzate da Google.

Verificare dunque che la directory stessa sia ben indicizzata per Google, verificarne l’anzianità (tutti i siti più anziani hanno inevitabilmente più valore), privilegiare le directories di settore.

Per quanto riguarda le directories a pagamento sta ai singoli decidere di optare per questo tipo di iscrizione: generalmente i costi giustificano il pagamento del personale impiegato a controllare la qualità di ogni sito per cui si rivelano migliori dal punto di vista dei contenuti.

Le due directories storiche sono quella di Yahoo e Dmoz, nella quale i siti vengono analizzati e recensiti da editor.
Per quanto riguarda l’Italia impossibile non segnalare la directory del Forum GT: gratuito, non chiede uno scambio link e vi garantisce due link: uno assieme ad altri della stessa categoria e un secondo link in una pagina interamente dedicata al vostro sito.

E con questo è tutto, buon SEO a tutti e che gli spider siano con voi!

1 Comment
To Top
Altro... backlinks, directories, directory, link building, motori di ricerca, ottimizzazione
renato-soru-istella
iStella l’alternativa made in Italy a Google

Google vs Francia
La Francia tassa i motori di ricerca

Yahoo e SMV con Brave New Moms: le mamme di oggi sempre più tecnologiche
Chiudi