Home » News » Il primo ATM di Bitcoin a Vancouver
Il primo ATM di Bitcoin a Vancouver

Il primo ATM di Bitcoin a Vancouver

BitCoin ATM PosA quanto pare ci siamo : Bitcoin , la moneta digitale che ha scatenato non poche polemiche nel corso degli ultimi anni, ha fatto un ulteriore balzo in avanti.

E’ di questi giorni, infatti, la notizia riguardante il primo ATM Bitcoin, uno “sportello” bancomat a tutti gli effetti che dovrebbe vedere la luce proprio in queste ore in quel di Vancouver.

Al fine di rispettare le regole imposte dalla legge del Canada, chiunque decida di utilizzare il bancomat dovrà prima permettere la propria identificazione attraverso scansioni fotografiche e scannerizzazione del palmo della mano.

L’ATM scambierà i dollari canadesi con i Bitcoin fino ad un tetto massimo di 3.000 $ al giorno .

Bitcoin vengono scambiati attraverso una rete peer-to -peer libera da qualsiasi autorità centrale di controllo e da intermediari che ne possono rallentare e complicare il processo.

A differenza delle normali banche, i pagamenti avvengono in tempo reale e i tassi addebitati sono relativamente bassi .

I fautori per la moneta digitale dicono che è impossibile contraffarla perché si basa su processi crittografici estremamente sicuri e impossibili da codificare.

Detta così, sembra il paradiso dei consumatori, ma anche Bitcoin ha i suoi risvolti oscuri; non è un mistero, infatti, che i primi ad utilizzare la moneta virtuale siano stati proprio i criminali, che la usavano per acquistare beni illegali.

Recentemente, anche i creatori di malware hanno pagato i loro servizi a CryptoLocket tramite Bitcoin.

E’ innegabile che l’installazione di questo ATM solleverà polemiche da parte di tutti coloro che non si fidano molto di questo genere di pagamenti e, soprattutto, da parte delle banche tradizionali, che risentiranno in maniera pesante di questa rivoluzione “virtuale”.

A quanto pare, però, le ambizioni di Bitcnoiniacs, la società canadese che ha acquistato i diritti sulla distribuzione dei vari ATM, non si fermano al territorio nazionale : sono in progetto, infatti, installazioni anche in molti paesi europei.

Ti è stato utile? Votalo!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]