Home » News » Quando a cantare è l’Intelligenza Artificiale
Quando a cantare è l’Intelligenza Artificiale

Quando a cantare è l’Intelligenza Artificiale

Da qualche tempo per motivi trasversali legati alla nostra attività professionale con WpSEO.it ci stiamo avvicinando ad alcune tematiche riguardanti l’Intelligenza Artificiale e il Machine Learning. Da quando abbiamo iniziato questa attività seguiamo quotidianamente le novità del settore che proprio in questo periodo sta vivendo una forte espansione.

E’ di pochi giorni fa, infatti, la notizia di un DDOS portato a segno sfruttando oltre 150.ooo Iot (Internet of Things) device ma quello di cui vi parliamo oggi è un altro aspetto legato alle macchine intelligenti.

Qualche giorno fa il Sony Computer Science Laboratory (CSL) ha fatto un passo avanti nel campo del machine learning diffondendo la prima canzone creata da un’intelligenza artificiale.

La canzone si chiama Daddy’s Car ed è ispirata al genere dei primi Beatles. Per ottenerla i ricercatori Sony hanno utilizzato il software di Intelligenza Artificiale Flow Machines che partendo da un database di 13.000 canzoni ha elaborato combinazioni di stili, melodie e armonie fino ad ottenere una nuova canzone basata sullo stile che è stato indicato come input, in questo caso, i Beatles. La canzone elaborata è stata poi arrangiata e prodotta dal cantante francese Benoît Carré.

Ecco di seguito Daddy’s Car, la prima canzone creata da un’intelligenza artificiale!

Se vi è piaciuta e volete gustare un’altra canzone sempre creata dall’intelligenza artificiale vi proponiamo “Mr Shadow”, creata invece impostando lo stile “Cantautori Americani” e basata sull’analisi dei grandi cantautori americani come Irving Berlin, Duke Ellington, George Gershwin e Cole Porter:

Ti è stato utile? Votalo!
[Voti: 2    Media Voto: 5/5]
Leggi articolo precedente:
Chiudi